Parti con me gratis negli Stati Uniti

Chi segue la mia pagina da un po’, sa che c’è una cosa che accomuna ogni mio viaggio: la strada.
Se ripenso a quando ero bambino, i miei sogni legati ai viaggi hanno sempre avuto a che fare con lunghe distanze percorse a bordo di una macchina, una moto, un camper.
Anche per questo motivo, crescendo, non vedevo l’ora di dare vita a quei sogni e mettermi in strada e scoprire posti nuovi!
E se si pensa ad una tipologia di viaggio simile, non può che venire in mente un on-the-road negli Stati Uniti!
Ma perché vi parlo di questo?
Perché automobile.it ha deciso di lanciare un contest sul proprio sito, dove rispondendo a delle domande, potrete essere il fortunato vincitore che verrà con me e Fabio di Viaggio Ergo Sum nel nostro viaggio in Camper nella West Coast Americana!

Il viaggio in camper sarà così strutturato: partenza in gruppo il 12 giugno 2018 e rientro il 22 giugno 2018 dall’aeroporto di Roma Fiumicino, insieme ai due coordinatori Fabio di Viaggio Ergo Sum e Edoardo di Mente Nomade.
Il vincitore riceverà in premio l’intero pacchetto viaggio che include il volo, il noleggio del camper, i pernottamenti, l’assicurazione per il camper e per la persona ed il costo della benzina.

Partecipare è semplicissimo! Basta rispondere alle domande su
​ https://www.automobile.it/news/test-che-guidatore-sei/  descrivendo che guidatore sei.
Che aspetti? Prepara la valigia ed inizia a sognare, una splendida avventura on the road ti aspetta!

Gran Sasso, consigli e suggerimenti

corno grande abruzzo

campo imperatore Abruzzo

 

Il Corno Grande, con i suoi 2.912 m è la cima più alta del massiccio montuoso del Gran Sasso e degli Appennini continentali.

Si trova all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e per arrivare in cima, il mio consiglio è quello di arrivare in auto fino a Campo Imperatore ( circa 2.000 metri d’altitudine, è il luogo più alto e di conseguenza più comodo, per parcheggiare la macchina gratuitamente e poter iniziare la vostra “passeggiata” verso la cima della montagna).

Allora per prima cosa, parliamo di vestiario e equipaggiamento; Non pensate di dover fare una camminata semplice, non sottovalutate MAI la montagna, è sempre meglio partire prevenuti.

 

 

 

Abbigliamento, per quanto riguarda i mesi estivi;

  • Maglietta a maniche corte,
  • pantaloncino comodo,
  • scarponi da montagna e calzettoni pesanti (possibilmente di quelli che arrivano sotto al ginocchio, in modo da poterli tirare su nel caso dovesse servire per proteggervi da piante, o piccoli graffi)
  • un cappello con visiera per proteggervi dal sole
  • occhiali, comodi e che modificano il meno possibile i colori naturali.
  • Equipaggiamento: io vi consiglio vivamente di portare con voi un bastone, possibilmente di quelli che servono apposta per la montagna. soprattutto per la discesa, avere un punto d’appoggio in più, vi risulterà molto utile.

Nello Zaino che porterete sulle vostre spalle: cercate di caricare meno roba possibile. E’ un zaino che dovrete trasportare per diverse ore e farlo troppo pesante non vi aiuterà assolutamente.

  • Metteteci dentro acqua (tanta, almeno 1litro e mezzo),
  • zucchero o qualsiasi cosa zuccherata (caramelle, gomme, cioccolata..)
  • Carta igienica (può essere utile per diversi motivi..)
  • un coltellino svizzero, una felpa nel caso le temperature sono più basse (ricordatevi sempre che state passeggiando tra i 2.000 e i 3.000 metri d’altitudine),
  • una busta di plastica dove poter mettere tutte le cose che dovete buttare una volta tornati alla vostra auto
  • sicuramente una macchina fotografica (ne vale veramente la pena.)

Allora cominciamo col percorso. Partendo da Campo Imperatore, noterete subito un sentiero che sale su per la montagna (se andate in periodi estivi, o la domenica, oltre il sentiero, troverete centinaia di persone che sono li a fare quello che state facendo voi, quindi non sarà difficile inizialmente trovare il percorso di partenza).

La via che vi consiglio io per la vostra prima volta al Gran Sasso è la “Via Normale”, ossia un sentiero tracciato fino in cima, con difficoltà semplice/media di circa 12km andata e ritorno.

State ben attenti ai cartelli e ai segnali che troverete su strada e sulle rocce. Seguite i cartelli che vi indicano “Corno Grande – Via Normale” e non sbagliatevi assolutamente, perché potreste trovarvi in percorsi molto impegnativi o addirittura da scalare.

Mentre percorrerete il sentiero, noterete che ad un certo punto, finirà il “verde” della natura ed inizierà il sentiero vero e proprio di montagna (con sassi e piccole pietre scivolose).

MANTENETE SEMPRE GLI OCCHI A TERRA, seguite il percorso, guardate dove mettete i piedi. So che sono cose stupide da dire, perché si pensa che siano scontate, ma quando vi troverete li sopra, capirete che un passo distratto, potrebbe farvi finire male. Se volete gustarvi il paesaggio e fare delle fotografie, vi basterà trovare una piccola parte di sentiero o una roccia più grande, dove potrete fermarvi comodamente, riposarvi, bere, mangiare qualcosa.

La Cima del Corno Grande la riconoscerete per una Croce che indica la cima della montagna. Li potrete riposarvi e godervi lo spettacolo che vi circonda. Io sono stato li più di un ora prima di scendere, perché ripeto, ne vale veramente la pena.

Per la discesa, dovrete avere un occhio di riguardo in più e soprattutto dovrete stare molto attenti a seguire il percorso e non perdervi assolutamente. Ve lo dico per esperienza, perché io per fare di testa mia, sono sceso per un percorso non tracciato e mi sono ritrovato a dover scalare una parete molto ripida per poter tornare sul sentiero tracciato. Ringraziando Dio, non mi è successo nulla, perché mi sarebbe bastato scivolare o sbagliare presa per poter cadere di sotto e farmi venire a raccogliere col cucchiaino.

Il percorso è segnato da dei cerchi con la vernice sopra le rocce. Se non vi ricordate qual’è il percorso che avete fatto salendo (che dovrete fare di nuovo per scendere) vi basterà mettervi di SPALLE alla Croce in cima e scendere sulla vostra DESTRA.

Se scendete sulla Sinistra, vi troverete a scendere per la DIRETTISSIMA ossia la salita segnata più difficile. Mentre al centro c’è il sentiero chiamato Via delle Creste, anche quello molto difficile. Quindi ripeto, per la vostra prima volta, è meglio prendere la Via Normale sia all’andata che al ritorno.

Molte persone si preoccupano della salita, ma posso garantirvi che la discesa è molto più faticosa e impegnativa.

Quindi anche per la discesa, occhi ben aperti e quando sentite il bisogno di riposarvi, fatelo.

In montagna non si corre e si deve avere tutta la pazienza possibile per poter fare una bella passeggiata, senza farsela andare per storta. Usate spesso i bastoni per scendere, o in caso non ce l’avete, usate le mani.

La parte impegnativa per la discesa è la prima parte, quella più ripida. Trovate il vostro punto d’appoggio, e posate i vostri piedi sulla roccia e non sui sassi. Cercate assolutamente di non far scivolare giù per il sentiero i sassi che troverete lungo tutto il percorso; un sasso che parte da voi, potrebbe prendere in testa un altra persona e fargli veramente molto male. In caso contrario, dove un sasso prenderà la discesa, vi invito a gridare “SASSO” in modo d’avvertire chi è sotto di voi.

Per emergenze, il numero 118 è l’assistenza medica/sanitaria per tutto il parco del Gran Sasso.