Sogni di volare in Islanda o sei in procinto di farlo? Magari può esserti utile qualche suggerimento e\o consiglio!

Iniziamo con i VOLI.

I prezzi per volare in Islanda prendendo un volo diretto, spesso sono al di sopra di quello che avevate immaginato! Dipende dalla stagione, dipende dalla permanenza, dall’aeroporto di partenza.. Insomma, da diverse cose.

Quello che si può provare a vedere tramite motori di ricerca è di crearvi uno scalo da soli per calcolare qual’è il prezzo più basso per raggiungere Keflavik.

Potete fare scalo a Londra, Oslo, Copenaghen.. Spesso anche Dublino e Madrid.

Se non avete fretta di raggiungere l’isola, in questo modo potrete risparmiare!

Noleggio delle vostre autovetture.

I prezzi dei noleggi delle auto, (come del resto tutto in Islanda) non è bassissimo.

Non me la sento di consigliarvi una compagnia di autonoleggio o un altra, ma quello che posso dirvi è di non sottovalutare due cose:

La prima riguarda le strade; se avete intenzione di guidare in giro per tutta l’isola, senza avere grossi rischi di rimanere fermi su una strada dissestata, il mio consiglio è quello di noleggiare sempre una vettura buona per il fuoristrada. Suv, Jeep, 4x4 sono sempre le scelte migliori.

La Ring Road (la strada principale) è asfaltata e sempre in ottime condizioni.. Ma nel caso in cui decideste di avventurarvi un pò in qualche strada secondaria, vi consiglio fortemente di non rischiare.

La seconda cosa che non dovete assolutamente sottovalutare è il discorso legato all’assicurazione.

Cercate sempre di prendere l’assicurazione migliore, soprattutto quando vi recate in Islanda nel periodo invernale. Basta una piccola lastra di ghiaccio per farvi scivolare fuori strada e con una piccola ammaccatura rischiate di vedere il vostro conto privato dai 1.500 ai 3.000 euro per la franchigia.

Benzina.

La principale pompa di benzina in Islanda si chiama N1 (logo rosso su sfondo bianco) e la trovate praticamente in ogni angolo dell’isola (lungo le strade principali).

Fermatevi ad una di esse e acquistate la carta prepagata. Esistono da diversi importi, dipende da quanti chilometri dovrete macinare.

A cosa serve questa carta? Serve per mettere benzina in tutte le pompe N1 senza dover usare la vostra carta di credito (e quindi senza ricorrere a costi aggiuntivi).

Acquistarla è semplice, usarla lo è ancora di più (ogni pompa di benzina ha uno schermo dove inserire la tessera con istruzioni in Italiano)

Un consiglio scontato, ma che viene spesso sottovalutato è quello di non restare mai con poca benzina nella vostra auto. Potete incontrare una pompa di benzina dopo 50km, come non vederla per altri 200.

Quindi come ne avete modo, fate un bel pieno al vostro mezzo, tanto alla fine del vostro viaggio la dovrete riconsegnare all’autonoleggio full.

Spesa, cibo, bevande e alcool.

In Islanda ci sono molti market, anche dentro le stazioni di benzina, dove potete rifornirvi di cibo, bevande e caffè caldo.

Quello che mi sento di consigliarvi però, è di fare una spesa in uno dei supermercati BONUS (li riconoscerete per il loro logo di un bellissimo maialino rosa) dove troverete tutti i prodotti di cui avete bisogno a (probabilmente) i prezzo più bassi dell’isola.

NON COMPRATE ACQUA. L’acqua in Islanda è potabile da ogni rubinetto.. Portate con voi una borraccia e riempitela ogni volta che volete facendo scorrere l’acqua fredda per qualche secondo.

L’acqua nei supermercati viene venduta ad un prezzo molto alto perché viene comprata unicamente dai turisti.

Per quanto riguarda il discorso Birre e alcolici in generale, i supermarket islandesi non li vendono.

Troverete birre analcoliche, succhi di frutta e qualsiasi bevanda senza alcool.

Per comprare una buona bottiglia di vino o qualche birra da bere la sera davanti ad una finestra del vostro cottage di legno, troverete in giro i VINBUDIN (enoteche). Dove potete trovarli? Spesso sono di fianco ai supermercati, con orari diversi. (Qui il sito con gli orari e i luoghi dove potete trovarli)

Per quanto riguarda il cibo, il mio consiglio è quello di fare spesa e di trovarvi alloggi dove potervi cucinare da voi (in Islanda è PIENO) per non rischiare di spendere ogni giorno 45 euro per un hamburger con patatine e una birra.

Una gentilezza che chiedono gli Islandesi è di non portare cibo dall’Italia. Non serve a nulla e nei loro supermercati troverete tutto quello di cui avete bisogno (esclusi cibi particolari per allergie o simili naturalmente). Non riempite il vostro zaino di pasta perché non serve assolutamente a nulla.

NON GUIDATE MAI dove il sentiero non è tracciato, non fatelo sulle spiagge che costeggiano le strade.

E poi godetevi questa terra meravigliosa e rispettate le persone e gli animali che la abitano!