La Costa Rica è entrata nel Guinness dei primati raccogliendo più di 30 tonnellate di plastica in 8 ore!

Il piccolo paese dell’America centrale, situato tra l’oceano pacifico e il mar dei Caraibi, è uno di quei paesi al mondo che dipende quasi totalmente dal turismo generato dal suo splendido ambiente.

Pensate che oltre il 25% della sua superficie è ricoperta di foreste.

Purtroppo però, come del resto tutte le nazioni del mondo, è afflitta dal problema enorme della plastica che ormai da anni ne contamina i corsi d’acqua e i mari.

Già nel 2017 ha annunciato che nel 2021 eliminerà gradualmente la plastica usa e getta sostituendola con materiali eco sostenibili.

In attesa che questo accada, hanno raccolto oltre 30 tonnellate di plastica in meno di otto ore, battendo il precedente record detenuto dall’India che nello stesso tempo, ne aveva raccolte 23 tonnellate.

La bellissima iniziativa è stata “guidata” da Ecolones, una piattaforma digitale che assegna del “denaro virtuale” o crediti agli utenti in cambio di azioni di riciclo, con l’obiettivo di favorire l’economia circolare e cambiare le cattive abitudini dei consumatori.

Attualmente in Costa Rica la plastica rappresenta una grandissima minaccia per l’ambiente e la salute di chi la abita.

Ogni giorno vengono prodotte 4 tonnellate di rifiuti solidi, l’11% è costituito da rifiuti plastici che inquinano di conseguenza mari, spiagge, fiumi.

Per contrastare l’inquinamento della plastica, oltre a vietare l’usa e getta, la Costa Rica sta sviluppando un’innovativa alternativa a base vegetale.

Nella speranza che tutto proceda per il meglio e che tanti altri record vengano battuti in ogni singolo angolo del nostro bel pianeta, forza Costa Rica e complimenti per questo primato!